Notizie

La Cina sta raccogliendo il DNA del mondo e il motivo è sinistro: Gordon Chang

sabato 05/12/20

FOX News il 4 Dicembre pubblica una intervista a Gordon Chang che rivela i suoi sospetti sull’attività sanitaria della Repubblica Popolare Cinese. Lui ritiene si tratti di una proiezione imperialistica e che la RPC stia sviluppando armi biologiche, un punto di vista inquietante ma non privo di fondamento.

Gordon Chang ha vissuto e lavorato nella Cina continentale e ad Hong Kong per quasi due decenni, più recentemente a Shanghai, come consulente dello studio legale americano Paul Weiss.
Precedentemente, a Hong Kong, era partner dello studio legale internazionale Baker & McKenzie.

Segue la traduzione dell’articolo originale.

Traduzione e introduzione a cura di Mario Biglietto

La Cina sta raccogliendo il DNA del mondo e il motivo è sinistro: Gordon Chang
Gordon Chang avverte che la prossima malattia potrebbe essere molto più mortale del COVID-19

La Repubblica popolare cinese (RPC) raccoglie da anni il DNA delle persone e, secondo Gordon Chang, autore di “The Coming Collapse of China“, la sua motivazione sinistra dovrebbe rappresentare una grande preoccupazione per gli Stati Uniti.
Con più di 80 milioni di profilazioni sanitarie la Cina ha il più grande database di DNA al mondo ed è in continua crescita. In un’intervista con FOX NewsChang avverte che la Cina intende utilizzare queste informazioni per creare delle armi biologiche progettate per colpire specifici gruppi etnici.

“Il coronavirus non è l’ultimo patogeno che sarà generato sul territorio cinese. Dobbiamo essere preoccupati che la prossima malattia sia più trasmissibile e più mortale di questo ultimo coronavirus“, ha detto Chang.
Secondo quanto riferito, la Cina raccoglie il DNA dei propri cittadini per applicare la legge, per rintracciare i dissidenti e stabilire un stato di rigida sorveglianza e controllo.
Hanno anche trovato il modo per raccogliere il DNA di cittadini stranieri, inclusi gli americani.

Come ottengono esattamente queste informazioni sensibili?
“Acquisto di società americane che hanno profilazioni di DNA, finanziamenti a società che analizzano il DNA per ricerche genealogiche, pirateria informatica”, ha affermato Chang.
Ad esempio, nel 2015 è stato scoperto che la RPC ha violato Anthem, la seconda compagnia di assicurazioni degli Stati Uniti. Ora la RPC sta utilizzando il coronavirus per ampliare il proprio database di DNA richiedendo codici QR validi a livello internazionale per i viaggi dentro e fuori il paese e usando la policy vaccinale.

“Quello che stanno facendo è che stanno dicendo: ‘Ti daremo questo vaccino ma dobbiamo completare i nostri esami, quindi useremo la tua popolazione come test. Se non partecipi a queste prove, non riceverai i vaccini cinesi “, ha detto Chang.
Ha continuato: “Pechino sta cercando di estendere la sua influenza rendendo disponibile il suo vaccino“. Allo stesso tempo, “sta raccogliendo informazioni molto sensibili sulle persone al di fuori della Cina“.
La Cina ha attualmente cinque candidati al vaccino contro il coronavirus che hanno raggiunto la fase 3 degli studi clinici. La fase finale delle prove è stata avviata in almeno 16 paesi tra cui BrasileTurchiaMarocco ed Emirati Arabi Uniti.

Le ragioni della Cina per volere queste informazioni riguardano il dominio dell’industria della biotecnologia che “è molto importante per loro”, ha detto Chang.
“Lo hanno incluso nella loro iniziativa ‘Made in China 2025‘, ha sottolineato,” che è un programma decennale per dominare alcuni settori “.
La seconda ragione è qualcosa di molto più sinistro: “La Cina sta probabilmente cercando di sviluppare malattie che non colpiscono tutti, ma solo determinati gruppi etnici o razziali“.

Secondo Chang, i dati genetici permettono alla Cina di creare armi biologiche che possono prendere di mira determinati gruppi di persone. Inoltre, ha affermato che il comportamento del paese di raccogliere il DNA di stranieri, proibendo al contempo il DNA cinese ai ricercatori stranieri, supporta questa ipotesi.
“Dobbiamo essere estremamente preoccupati perché questo non è coerente con un paese che vuole cooperare con il resto del mondo. Questo comportamento è coerente con un paese che sviluppa armi biologiche “, ha avvertito.

“La gente ha detto che le armi biologiche non funzionano. Bene, sappiamo che funzionano perché avevamo il coronavirus, che potrebbe essere o meno un’arma biologica “, ha chiarito Chang,” ma sappiamo che ha paralizzato gli Stati Uniti ed è proprio quello che Pechino sta cercando “.

Ora che la Cina ha avuto prova della validità dell’idea, Chang ha esortato gli Stati Uniti ad agire rapidamente e impedire alla superpotenza di ottenere ulteriore DNA americano.
“Non dovremmo permettere a nessuna organizzazione affiliata cinese o cinese di testare il DNA degli americani. E dobbiamo dire alla Cina, o accetti un regime di ispezioni o ci ritiriamo dalla convenzione sulle armi biologiche “.

La Cina ha negato le accuse secondo cui la pandemia di coronavirus, che alcuni ritengono emersa da un laboratorio governativo a Wuhan, fosse un’arma biologica. Nel 1984 la RPC ha firmato il trattato della Convenzione sulle armi biologiche (BWC) nel 1984 che proibisce loro di sviluppare, produrre o immagazzinare armi biologiche o tossiche.

Articolo originale da FOX News

a cura di Mario Biglietto

Libro "La Comodità"
illustrazioni Federica Macera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *