Notizie

Coronavirus: Perché i “nuovi casi” stanno precipitando

Il numero di “nuovi casi” sta crollando in molti paesi da oltre un mese, quale è la causa?

mercoledì 03/03/21

Tradotto dal sito OffGuardian su cui è stato pubblicato il 26 febbraio 2021 e rilanciato da zerohedge il 28 febbraio.

Gli spaventosi numeri dei contagi stanno diminuendo . Controllando qualsiasi giornale o sito di monitoraggio covid puoi vedere che decessi e ricoveri stanno calando bruscamente, e lo fanno da settimane, specialmente negli USA e nel Regno Unito.

Perché dovrebbe succedere?

Gli esperti di tutto il mondo sui media hanno suggerito delle spiegazioni ― come i vaccini o i lockdown ― ma ce n’è solo una che ha davvero senso.

NON SONO I VACCINI.

L’ipotesi che la maggior parte delle persone farebbe, e sarebbe incoraggiata nel farlo dai mezzibusti e dagli esperti dei media, è che i vari “vaccini” hanno avuto effetto e hanno fermato la diffusione del “virus”.

È questo la spiegazione? No, no, non lo è.

La discesa è iniziata a metà gennaio, troppo presto perché qualsiasi programma di vaccinazione abbia avuto effetto. Molti esperti lo hanno detto:

Il dottor Wafaa El-Sadr, professore di medicina ed epidemiologia presso la Mailman School of Public Health della Columbia University, ha affermato che il numero di casi in calo non può essere attribuito al vaccino COVID-19, perché nemmeno un decimo della popolazione è stato vaccinato, secondo il centro per la prevenzione e il controllo delle malattie.

Inoltre, il calo sta avvenendo simultaneamente in diversi paesi di tutto il mondo e non tutti i paesi vaccinano alla stessa velocità o utilizzano lo stesso vaccino. Quindi no, i “vaccini” non stanno causando questo calo.

NON È NEANCHE IL LOCKDOWN.

Un’altra spiegazione potrebbe essere il lockdown, con una propaganda a tutto spiano che sostiene che tutte le restrizioni imposte dal governo e le misure di “distanziamento” hanno finalmente avuto efficacia.

Non è neanche questo.

La Svezia, notoriamente, non ha mai effettuato un lockdown. Eppure il numero dei loro “casi” e i “decessi correlati a Covid” sono diminuiti esattamente in parallelo con il Regno Unito:

Ovviamente, se i paesi che non hanno mai effettuato lockdown vedono pure loro un calo dei casi, queste restrizioni non possono esserne il motivo.

Allora cosa è?

LE LINEE GUIDA PER IL TEST PCR DELL’OMS.

Forse, per trovare la nostra risposta, dovremmo prestare attenzione alla data in cui è iniziato il calo.

Osserva questo grafico:

Come puoi notare, il declino generale delle “morti da Covid” inizia da metà a fine gennaio.

Cosa altro è successo in quel periodo?

Ebbene, il 13 gennaio l’OMS ha pubblicato un promemoria riguardante la questione dei casi asintomatici scoperti dai test PCR , suggerendo di ripetere eventuali test sugli asintomatici positivi.

Questo seguiva il loro precedente promemoria, nel quale comunicavano ai laboratori di tutto il mondo di utilizzare un numero di cicli inferiore (CT Values/Cicli Soglia) per i test PCR, poiché valori superiori a 35 potrebbero produrre falsi positivi .

In sostanza, in due promemoria, l’OMS ha garantito che i test successivi avrebbero avuto molte meno probabilità di produrre falsi positivi e ha reso molto più difficile essere codificati come “caso asintomatico“.

In sintesi, la logica suggerirebbe che in realtà non stiamo assistendo a una reale “diminuzione dei casi di Covid” o a una “diminuzione delle morti per Covid“.

Quello a cui stiamo assistendo è un calo del numero delle persone perfettamente sane etichettate come “casi covid” sulla base di un falso positivo derivante da un test inaffidabile. Stiamo anche registrando un numero più basso di persone che muoiono di polmonite, cancro o altre malattie che hanno aggiunto “Covid19” al loro certificato di morte in base a test progettati per gonfiare la pandemia.

Proprio come noi di OffG avevamo previsto che sarebbe successo nel momento in cui il promemoria sarebbe stato pubblicato.

Traduzione a cura di Mario Biglietto



Cosa è OffGuardian.

OffGuardian è stato lanciato nel febbraio 2015, prende il nome dal fatto che i suoi fondatori erano stati tutti censurati e/o banditi dalle sezioni “Comment is Free” (i commenti sono liberi) del Guardian. I nostri redattori e amministratori hanno sede negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Europa.

OffGuardian è centrato sulla libera espressione, spesso ospiterà articoli di opposte vedute su qualsiasi questione. Salvo diversa indicazione, tutte le opinioni riflettono le opinioni dell’autore, non del sito o dei suoi editori.

Libro "La Comodità"
illustrazioni Federica Macera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *