Notizie Riflessioni Uncategorized

Hanno suicidato De Donno

A volte per capire bisogna astrarsi e ragionare in maniera semplice, limpida, come PPP che urlava ai quattro venti “io so (i nomi)”, ecco io so benissimo “chi ha suicidatoDe Donno, lo sappiamo tutti.

Tutti parlano sempre del crimine, della dinamica con cui succedono i fatti, delle loro tempistiche, delle tecniche, di quei morbosi particolari che trovano necessità esclusivamente nelle indagini, in realtà la questione vera risiede altrove.

È sempre il movente che spiega tutto, il movente alto de “L’amor che move il sole e l’altre stelle” contrapposto a quello basso, a quell’odio verso l’uomo, quella bramosia di potere e di controllo che hanno “suicidatoGiuseppe De Donno.

Giuseppe, questo nome biblico di padre protettivo e solerte, disponibile, amorevole, questo medico fedele al giuramento come pochi ne sono rimasti, è stato costretto, in qualche modo, a lasciare la lotta.

Io conosco il “movente” e so troppo bene “chi lo ha suicidato“, so come ci sono arrivati e perché, di chi si sono serviti, so chi ha preparato il substrato, nelle trasmissioni televisive piene di nei, di boccoli brizzolati, in quella Selvaggia TV connivente col potere ― quello vero non quello apparente ― quando tutti i servi zelanti aggredivano quest’eroe incredulo oggi “presunto suicida“.

Giuseppe De Donno è suicida tanto quanto questa influenza non è curabile, tanto quanto questa influenza è mortale, tanto quanto sono affidabili i tamponi PCR ― inventati da un altro morto, Kary Banks Mullis ― è suicida proprio come l’idrossiclorochina era pericolosa, proprio come le autopsie, perché i cadaveri respirando potevano contagiare…

Giuseppe De Donno è stato suicidato perché niente doveva incrinare una narrazione che portava obbligatoriamente all’inoculazione di farmaci genici sperimentali per scongiurare questa influenza, che ha dimostrato curabilissima.

Il suo plasma era una minaccia, lui era una minaccia a questo piano che, inutile dirlo, non poteva arrestarsi perché il solito italiano geniale aveva risolto egregiamente tutto, smontando il giocattolo di questi criminali in grisaglia, questi globocrati gnostici, vergognosi solo un filino meno di chi li serve genuflesso.

Viene da domandarsi se è nato prima il vairus o il vaccino ― chiarendo sempre che viene definito così in modo assai improprio ― viene da domandarsi perché ogni volta che una cura funzionava veniva ostracizzata, chi la praticava veniva massacrato dalla blasfema inquisizione senza Speranza.

Viene da domandarsi se i decessi causa covid di tanti, così mal curati, siano stati caparbiamente perseguiti piuttosto che inevitabili, come pure tutti i decessi dei malati trascurati a causa di questa influenza.

Voi credete che non abbiamo compreso cosa avete fatto, cosa state facendo e cosa volete fare, ma vi sbagliate.

Voi credete che i no-breathe ― quei minus habens che ci chiamano no-vax, o negazionisti offendendo l’Olocausto ― siano un campione rappresentativo dell’intera popolazione, siete sicuri che siamo tutti così ottenebrati, ma vi sbagliate.

I no-breathe sono di certo la maggioranza, ma comincia ad essere una maggioranza risicata, discutibile, ribaltabile proprio come i sediolini delle auto sui quali le vostre madri, cari globocrati, si davano al primo che passava.

Avete immolato Giuseppe De Donno alla causa, ne avete fatto un martire dell’umanità, voi che non meritate neanche di essere annoverati nel genere umano.

Avete sbagliato a suicidarlo, è stato un grave errore, tutti si faranno una domanda e, sebbene proverete a suggerir loro la risposta, perderete parecchie pecore dal gregge.

Il tempo del giudizio, quello di Norimberga 2, forse anche quello divino ― da non credente me lo auguro con tutto il cuore ― sta arrivando.

Temo per tanti altri possibili suicidi, gente che con voi non va d’accordo e che voi detestate, gli togliete voce, li diffamate, li ricattate e minacciate, in ultima analisi, li suicidate.

Spero che vi ritorni mille volte il male che fate.

Ci vogliono deboli, dipendenti dalla loro elemosina, controllati dalla moneta elettronica, la proprietà privata è l’ultimo presidio di libertà che hanno bisogno di eliminare.

Vogliono un “mondo nuovo”, un “uomo nuovo” (che non conserverà nulla di umano), un mondo meno affollato.


NON SI FERMERANNO MAI DA SOLI

Questo è un video di Red Ronnie alla notizia del presunto suicidio di Giuseppe De Donno, lo ha pubblicato su Fecciabook ― che mi ha bloccato 3 profili senza dirmi neanche perché ― mi fa piacere condividerlo.

Gli eroi della Marvel dovevano solo allacciarti le scarpe quando combattevi col tuo cannone al plasma, riposa in pace, ora dobbiamo continuare noi.

Libro "La Comodità"
illustrazioni Federica Macera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *