Riflessioni

Abbiamo piene le BALLS-CoV2

lunedì 21/12/20

Sono saltato letteralmente dalla sedia quando ho sentito la notizia, lo hanno addirittura detto a reti unificate:

È stato trovato l’antidoto per il covid!

Per vincere questa terribile pandemia ― che lascia cataste di cadaveri putrescenti sui marciapiedi ― bisogna scoparebere fumare come se non ci fosse un domani.

Oggi finalmente ci spieghiamo le morti a frotte degli ipocondriaci atterriti da questo morbo ferale, fetùso e scassacazzi, conosciuto con diversi nomi (coronaviruscovidcovid-19SARS-CoV2), adesso pare si aggiunga una versione very british ― con bombetta e ombrello ― terrificante, di quelle che il captain trip de L’Ombra dello Scorpione è una passeggiata di salute!

Manco a dirlo Rocco Siffredi, che pure è stato contagiato, si è salvato così, con la sua consueta e grande dedizione, pure un sacco di zoccole si sono salvate così, qualcuno più bizzarro si è salvato bloccandosi la mandibola ― ma sono pratiche sconsigliate e che garbano a pochissimi ― altri hanno fatto del loro meglio da soli, ma non stanno proprio benissimo.

Abbiamo piene le BALLS-CoV2, image #2

Quelli che hanno seguito i consigli degli esperti sono morti provandoci, soffocati, o a causa di infarti da ipercapnia, o perché rimasti con le gonadi rigonfie.
È proprio lì che si è scoperto che risiede principalmente il virus, nei tesiticoli maschili. A questo scopo raccomandiamo quindi alle donne di prendersi cura di questa maggiore fragilità maschile. traendone quando possibile un piacere e/o un profitto personale.

La cura per la variante inglese comporta delle problematiche maggiori, per alcuni è già assai difficile procurarsi un partner, nel caso si può optare per roditori bipedi dalle richieste pecuniarie adeguate alla tasca di ognuno, vista la crisi, o per appassionate e caritatevoli prestatrici di soccorso, in tal caso a caval donato…

La principale problematica aggiuntiva consiste nel fatto che la cura andrebbe effettuata con esemplari femminili ― si parla di quelle dotate di cervice uterina, essendosi rilevato che la natura è sessista, quelle dotate di pene femminile non danno risultati efficaci ai fini della guarigione ― che hanno da essere di madrelingua inglese, e neanche di qualche remoto luogo del Commonwealth, deve essere britannica originale dello United Kingdom proprio.

Sottolineiamo una preferenza (terapeutica) per le abitanti della Greater London o della Scozia, sempre dotate di single malt delle Highlands (invecchiati minimo 16 anni), distillati che rappresentano parte obbligatoria della profilassi e della terapia.

Ne consegue che gli astemi rischiano la morte, cosa che di per sé non rappresenta neanche una grande perdita per il genere umano.

NdA: in caso di professioniste retribuite ricordiamo di verificare il tasso di cambio GBP/EUR prima del saldo, ricordiamo altresì che per le transazioni internazionali l’IVA/VAT non si applica e che la mancia non rappresenta obbligo ma cortesia.

Un ulteriore coadiuvante è stato individuato nel “fumarsi una canna” (o più canne) purché si tratti di, nell’ordine di preferenza:

— Afgano
— Pakistano
— Maria (non trattata chimicamente)

NdA: in questo caso consigliamo di accompagnare la droga miscelandola con tabacco dolce e poco aromatico, suggeriamo infine attenzione al giusto livello di umidificazione.

È stato sufficientemente e clinicamente provato che la terapia porti benefici a entrambi i sessi ― siamo rammaricati ma la biologia ne contempla 2 soli, quindi ci atteniamo ad essa nella scrupolosa e politicamente scorretta redazione della casistica clinica oggetto del presente trattato clinico.

Durante la sperimentazione abbiamo riscontrato una insolita, e assai gratificante per tutti, dedizione nella pratica terapica da parte di tutto il personale medico e paramedico, un entusiasmo trasferito senza la minima difficoltà a tutti i pazienti.

Possiamo quindi affermare senza riserve, grazie agli innumerevoli esperimenti nel periodo di testing, che non si farà fatica a promuovere un intenso programma di cura, su larghissima base, e con un inusuale trasporto emotivo dei partecipanti, sulla quale fenomenologia si faranno ulteriori approfondite indagini di cui lo scrivente si fa carico sin da subito, ça va sans dire.

Durante il coito si è sorprendentemente rivelato del tutto controproducente l’uso della mascherina come consigliato nell’infografica MSM sopra allegata.

I pazienti e il personale si ostinano stranamente a mantenere l’abitudine a praticare, prima del coito, il cosiddetto “limonare” (operazione consistente nel portare le labbra dell’uno sull’altra fino al contatto, aprendo la bocca e avviluppando i rispettivi apparati linguali, consentendo lo scambio di virus e batteri veicolati dalla saliva, essa presenta innumerevoli varianti).

La felice e più che soddisfacente esperienza ci ha suggerito di convertire i covid residence con letti da terapia matrimoniali, preferibilmente tondi, con specchio superiore, indispensabile per un corretto monitoraggio delle attività curative.

Le stanze adatte alla terapia saranno singole, insonorizzate, dotate di servizi igienici e frigobar nei quali stipare i fluidi curativi ausiliari ― quelli scozzesi sono invece da assumere tassativamente lisci e a temperatura ambiente ― e quanto altro abbisogna a cure prolungate.

Si è altresì registrata una migliore recettività della terapia quando si può disporre di apparati di riproduzione musicale, consigliamo allo scopo casse bluetooth di media qualità.

Nei covid residence così approntati auspichiamo, per la salute pubblica, che sia possibile continuare le terapie, anche preventive, con costanza e metodo.

Gli ipocondriaci non saranno ammessi, a loro spetta la terapia alternativa detta “masturbazione solitaria con doppia mascherina“.

Al momento essi vengono classificati come sPhyGatheS-2020 (SARS-Physical-Gathering-Shit-2020), un lungo acronimo che definisce accuratamente il loro status, sperando che guariscano presto e possano accedere alla speranza di vivere felici.

In fede

Mario Biglietto

Libro "La Comodità"
illustrazioni Federica Macera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *